Menu:


"Benvenuto"

Desidero darvi il mio benvenuto nella casa in cui la mia famiglia ha vissuto per generazioni. Mi auguro che il soggiorno sia di vostro gradimento, e spero di poter condividere con voi la bellezza di questi luoghi.

Kiki Accetta

Si parla Inglese e Italiano

English

Français

Benvenuti a Villa Accetta

Villa Accetta è una dimora aristocratica di grande fascino nella cornice del Golfo di Gaeta.La villa offre un angolo di pace ai suoi ospiti grazie ai suoi rigogliosi giardini, ai suoi appartamenti spaziosi e alle ampie terrazze affacciate sul mare.

Villa Accetta si trova alla periferia della pittoresca città di Gaeta, con le sue antiche rovine romane, la città medievale e il castello, le chiese antiche e i negozi, bar, trattorie, ristoranti, pizzerie e gelaterie. Da tutti gli appartamenti è possibile ammirare il Golfo fino alla città vecchia di Gaeta. La villa è il luogo ideale per trascorrere una vacanza di pace e tranquillità, a breve distanza da Roma o Napoli, ma senza il rumore e la confusione di queste città.


Gli appartamenti

La villa, che è stata di proprietà della famiglia Accetta per generazioni, dispone di quattro appartamenti completamente ammobiliati con splendidi bagni, monolocali con due posti letto e spaziosi appartamenti con due camere da letto e ampio terrazzo, in grado di ospitare fino a sei persone. È possibile affittare i singoli appartamenti separatamente, oppure l’intera villa, che può ospitare fino a 18 persone, nel caso di famiglie o gruppi che desiderano trascorrere le vacanze insieme senza rinunciare alla comodità dei singoli appartamenti. Ciò rende Villa Accetta il luogo ideale per vacanze all’insegna del lusso, riunioni familiari, feste e vacanze di gruppo. Il parcheggio è adiacente alla proprietà.

Il mare

 

Da ogni appartamento si gode una spettacolare vista sul mare. Una gradinata porta dalle ampie terrazze panoramiche fino al lungomare e alla spiaggia privata della villa, attrezzata con sdraio e ombrelloni.





 

Le Grotte

Edificata su fondamenta di epoca romana, la proprietà poggia sopra una sorgente d’acqua chiamata Fonte Artacia, che si tuffa nel mare. Secondo il racconto di Omero, questa è la sorgente in cui Ulisse e la sua ciurma trovarono finalmente acqua potabile dopo intere settimane trascorse per mare.